giovedì 9 giugno 2016

La Turkish Map - Elemento per Lapbook

Quando desideriamo inserire in un lapbook o in un notebook un elemento che si espanda da minime dimensioni ad una superficie quadruplicata, la Turkish Map è quello che ci serve.
 


L'arte di piegare la carta non è solo Origami.
Nel corso dei secoli molti cartografi si sono chiesti quali pieghe dare alle loro mappe, quali fossero le più facili, pratiche e il cui risultato fosse il più compatto possibile e adatto al viaggiatore.
Da qui deriva la Turkish Map, un modo di piegare la carta ad effetto... esplosivo!

Per questa caratteristica viene spesso utilizzata per la realizzazione di biglietti d'invito e d'auguri e viene anche chiamata Pop-Out.


Sono due le versioni più comuni quadrata e rettangolare; da qui sempre si deve partire. Tuttavia alla fantasia non vanno mai messi limiti e potrete sagomare il foglio come preferite, e vi è più utile, dopo avere eseguito le pieghe.
Vediamo allora come si realizzano.

Turkish Map Quadrata

Questa è la versione base, la più facile da eseguire.
Si parte da un foglio quadrato. Potete scaricare lo schema e provare a realizzare le pieghe seguendo l'animazione .gif qui di seguito. Le pieghe rosse sono a monte, le blu a valle.

PDF:
https://drive.google.com/file/d/0B8ik8AX73X6Ra1p0WDc0bjFYSTA/view?usp=sharing



Turkish Map Rettangolare

Nella versione rettangolare le pieghe sono identiche alla Turkish Map quadrata, ma necessita di una piccala accortezza in più.
In base al foglio rettangolare scelto, eseguite questo calcolo:
(lato maggiore - lato minore) : 2 = X centimetri
fate quattro segni a matita (dagli angoli verso l'interno sui lati maggiori) per determinarre le diagonali che devono essere perpendicolari fra di loro e centrate nel foglio. 
Ora siete pronti a procedere con le pieghe; il risultato sarà largo come la versione quadrata, ma più alto.
Potete vedere tutti i passaggi nell'animazione .gif successiva.
Questa versione rettangolare funziona molto bene con i fogli A4

PDF:
https://drive.google.com/file/d/0B8ik8AX73X6RUTJhdFZlWVZoMzA/view?usp=sharing



Una volta imparata la tecnica, non avrete più bisogno dello schema e sarete liberi di piegare ogni tipo di quadrilatero ;o)
Capirete anche le potenzialità di questo elemento pieghevole.
Solitamente entrambe le versioni, vengono inserite in un foglio di cartoncino piegato che serve sia da copertina che da supporto -come vi ho presentato all'inizio del post con la mappa di una città.
Senza copertina, invece si può sfruttare la sua caratteristica forma a casetta.
Può essere utilizzata come richiamo ad un argomento (la mia casa, la mia scuola, la casa delle vacanze, ecc.) e all'interno si può sviluppare e ampliare il concetto (disegno la mia cameretta, tabella orario delle materie scolastiche, descrivo le vacanze, ecc.)

Ora provate anche voi.
Ciao, alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento