domenica 11 febbraio 2018

Cottonfioc per Cartografi - Coloriamo la Geografia

Buon tardo pomeriggio domenicale. Domanda veloce!
Avete mai utilizzato i cottofioc per colorare?
In particolare, li avete mai usati per realizzare le cartine geografiche?


Be' se non li avete mai provati ve li consiglio.
Sono ottimi strumenti per colorare le superfici a pallini, tanti tantissimi pallini che si mescolano sfumando le tinte. Mi ricorda qualcosa... il puntinismo, forse? Ma certo!
Allegri e versatili. Da provare.

Piccoli consigli:

Tracciate con le matite colorate le varie zone del territorio usando il colore giallo, il verde e il marrone.
Mettete due o tre gocce d'acqua sulla cialda dell'acquerello e prendete il colore poco per volta con il cottonfioc.
aggiungere l'aqcua all'occorrenza sempre una goccia alla volta.
Il cottonfioc non deve essere mai troppo bagnato.
E via ai puntini, cambiando colore a seconda della morfologia del territorio...verrà benissimo!

Per laghi e fiumi utilizzare un pennarello a punta fine blu chiaro e ultima cosa, ricordate di colorare i mari. Basta un po' di azzurro lungo la costa.

Questa tecnica funziona su vari tipi di carta.
Per semplicità noi abbiamo sempre colorato su carta normale.
Una volta asciugato il colore, abbiamo poi ritagliato ed incollato sui quaderni il risultato.


Per i più piccoli, che hanno la tendenza a bagnare molto e a premere tanto, meglio utilizzare carta più spessa e ruvida.
Inoltre sarà per loro un bell'esercizio di manualità. Dovranno controllare la mano e dosare forza e leggerezza: sarà un buon esercizio per la futura scrittura.
Ovviamente per loro sceglierei in soggetto più vicino ai loro interessi...non una cartina! Ma a ben pensarci chissà... poi alla fine i bambini ci stupiscono sempre!

Buon lavoro e a presto!
Ciao_( ')>

Nessun commento:

Posta un commento